Mission e Vision

La Mission e la Vision di un’impresa definiscono lo scopo e l’obiettivo a fondamento dell’impresa stessa.
Sono una guida, un faro che fornisce le regole e le indicazioni per evitare di finire sugli scogli dell’incoerenza mettendo a rischio la reputazione e la credibilità, i beni più preziosi dell’azienda.
Nella Mission e Vision di Polo 626 emergono i valori legati alle persone e l’attenzione dedicata ai propri clienti. Sono una dichiarazione e un impegno comune della struttura a perseguire l’efficienza aziendale nel rispetto degli obiettivi di sostenibilità. Una politica che, coerentemente, applichiamo anche ai servizi forniti.

Mission

POLO 626 crede che la tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro e il rispetto dell’ambiente rappresentino imprescindibili elementi strategici di una corretta conduzione aziendale, etica e sostenibile. A tal fine considera le risorse umane, proprie ed altrui, al centro di ogni attività.
Per POLO 626 rispettare l’ambiente e tutelare la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro significa:

  1. Assistere, con impegno quotidiano i propri clienti, nei loro percorsi imprenditoriali di gestione aziendale legalmente corretti e professionalmente salubri, sicuri e sostenibili;
  2. Promuovere in ogni contesto lavorativo l’igiene, la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro, accompagnata al rispetto dell’ambiente come dovere civico e cultura sociale;
  3. Ricercare e garantire l’innovazione continua dei servizi offerti al fine di comprendere le esigenze dei datori di lavoro, in linea con l’evoluzione del lavoro;
  4. Formare e aggiornare costantemente le proprie e le altrui risorse umane nelle materie ambientali, sociali ed economiche sinergiche con i servizi offerti.
  5. Diffondere la cultura della sostenibilità in termini di capitale umano (competenze) e di capitale sociale (relazioni) al fine di aumentare la qualità della vita delle persone in relazione alla soddisfazione maturata sul luogo di lavoro. 

Vision

POLO 626 vuole essere un importante punto di riferimento per imprenditori e datori di lavoro, supportandoli nelle loro scelte strategiche e lavorative relative alla gestione dell’igiene ambientale, della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro, affiancandoli nei percorsi di crescita e di miglioramento delle proprie attività imprenditoriali e professionali.

Organizzazione aziendale

Digitalizzazione e smart working: non solo sicurezza e privacy

Quando si parla di digitalizzazione e informatizzazione dei processi aziendali si fa riferimento a quel percorso di riprogettazione e gestione in modo integrato e collaborativo di tutti quei processi interni ed esterni, finalizzati a incentivare la creatività e la proattività aziendale, spesso bloccate in procedure caotiche e farraginose.

Un fenomeno come il “cigno nero” Coronavirus può mandare in profonda crisi qualsiasi business, ma può anche riorientare positivamente i driver dell’organizzazione e di creazione del valore.

in Italia si discuteva da tempo su come introdurre lo smart working. Molti ritengono che questo strumento faccia gli interessi di entrambe le parti. Lo smart working, dove possibile, è dunque la possibilità concessa al dipendente di lavorare fuori dalla struttura aziendale concentrandosi esclusivamente sugli obiettivi assegnati, svincolandosi in parte dal mero orario di lavoro.

Questa pandemia – dall’impatto totale – ha posto di fatto i sistemi organizzativi davanti alla necessità di mettere in campo nuove risorse e soluzioni alternative e spesso innovative, evidenziando, nell’ambito informatico, la necessità della migrazione dei dati verso il cloud (digitalizzazione) per poterli condividere a distanza, e della progettazione strutturata dello smart working per poter lavorare e dialogare in piena  sicurezza con colleghi e clienti.

Con un’ottica aziendale votata all’efficientamento e al miglioramento continuo, ad inizio 2020 è stata programmata e avviata un’importante riorganizzazione interna, incentrata sulla digitalizzazione dei processi aziendali e sull’innovazione di strumenti e metodologie.

Al fine di incrementare la qualità dei servizi offerti e nel contempo comprimere i costi produttivi, la linea strategica adottata dalla società prevede di agire sia sulla parte riorganizzativa dei dati, finalizzata a rendere le informazioni più agevoli e fluide, sia sulla parte tecnico-commerciale, per facilitare e consolidare il rapporto con i nostri clienti, attuali e futuri.

Codice etico

Per rendere ancora più concreti i concetti di Mission e Vision, Polo 626 ha predisposto un proprio CODICE ETICO comportamentale (pubblicato nell’area documentale), che guida i propri operatori in un percorso etico definito e uniforme per tutti.

Con l’introduzione di un Codice Etico comportamentale, Polo 626 intende avviare un percorso di comunicazione aziendale di tipo reputazionale in grado di dare valore etico alla propria immagine aziendale.

Per Polo 626 introdurre un Codice Etico comportamentale vuol dire tener conto delle aspettative specifiche di riferimento dei principali stakeholder, definendo con loro modalità concrete di applicazione di strategie di sviluppo capaci di catalizzare la competitività e la crescita aziendale, in regime di equilibrio sociale, ambientale ed economico.

Polo 626 considera infatti, il proprio Codice Etico comportamentale il mezzo più efficace a disposizione dell’impresa per prevenire comportamenti irresponsabili o illeciti da parte di chi opera in nome e per conto della società. È l’inizio del percorso che porterà Polo 626 alla definizione di un Modello 231 volto a prevenire reati commessi da persone fisiche nell’interesse o a vantaggio dell’ente.

Il Codice Etico comportamentale di Polo 626 introduce una definizione chiara ed esplicita delle responsabilità etiche e sociali dei propri soci, dipendenti, collaboratori – e spesso anche fornitori – verso i restanti gruppi di stakeholder a cui fa riferimento.

Tutte le attività di Polo 626 sono attuate nel rispetto di queste regole.